Lettori fissi

giovedì 3 aprile 2014

Azienda Agricola Musso

Nuova collaborazione per il blog con Azienda Agricola Musso.


La storia dell' azienda ha inizio nei primi anni del 1900, anni in cui gli avi iniziarono a coltivare il riso a Vercelli.
Poi negli anni Sessanta, Lorenzo Musso acquistò parte della cascina Masina nel comune di Carisio e qui continuò il lavoro di risicoltore, l'azienda passò poi al figlio Gian Carlo che la ingrandì e gestì con 'esperienza ereditata dai sui genitori.
Oggi l'Azienda Agricola Musso è diretta da Gian Carlo a dal figlio Matteo e insieme garantiscono la coesistenza tra tradizione e innovazione tecnologica.
L' azienda si trova ai piedi delle Prealpi biellesi in una zona ricca di acqua e dal clima ideale per la coltivazione di un riso di qualità;  è una piccola azienda a conduzione famigliare, il riso viene seguito nel suo percorso evolutivo dalla semina al taglio, dalla lavorazione al confezionamento direttamente e personalmente dai proprietari; questo a piena garanzia di tutti i processi di lavorazione del prodotto.

IL  RISO
 
Il riso marchiato DOP offre garanzie su diversi livelli del processo produttivo:
1)     Prodotti utilizzati per la coltivazione devono essere regolamentati da leggi italiane e comunitarie
2)     Piena tracciabilità del prodotto a partire dalla singola cella di risaia dove viene coltivato il riso al sacchetto confezionato e venduto al consumatore; la tracciabilità di un prodotto DOP garantisce la provenienza del prodotto che può essere coltivato e lavorato esclusivamente all'interno del territorio riconosciuto DOP, questo colma una lacuna della legislazione italiana che non impone di indicare la provenienza della materia prima ma solo il luogo di lavorazione.
3)     Il riso viene coltivato secondo metodi tradizionali e non invasivi con un legame unico ed eccezionale alle caratteristiche geologiche, ambientali e climatiche del territorio, condizioni uniche che si distinguono considerevolmente dal resto del territorio italiano.
4)     Garanzia della unicità ed esclusività della presenza nella confezione venduta della varietà espressa in etichetta, non possono essere inserite o miscelate varietà similari.
5)     Il disciplinare DOP impone che i chicchi all'interno delle confezioni siano uniformi e la percentuale di rotture presenti è di molto inferiore al consentito dalla legislazione italiana, a vantaggio di una uniformità del prodotto in cottura.
6)     Il riso DOP è sottoposto a un controllo e analisi da parte dell' Ente Nazionale Risi in tutte le fasi di coltivazione, raccolto e trasformazione.  

L'azienda mi ha gentilmente inviato una campionatura dei suoi prodotti.


RISO INTEGRALE CARNAROLI

Riso integrale viene privato soltanto della parte più esterna e non commestibile del chicco, la lolla; in tal modo tutte le sostanze nutritive presenti nel chicco rimangono inalterate, il riso integrale è più ricco di vitamine, fibre e minerali rispetto al riso raffinato che in parte perde durante il processo di raffinazione, inoltre anche l'indice glicemico è più basso e quindi rilascia più gradualmente il glucosio.


RISO ARBORIO

Arborio ha un chicco molto grosso ed è una delle varietà di riso più antiche. E' usato soprattutto per risotti, durante la cottura il calore penetra prima la parte più esterna, mentre il nucleo ricco di amido rimane al dente, il chicco tende ad assorbire meglio il gusto dei condimenti e rende il risotto ben amalgamato.


RISO CARNAROLI

Carnaroli viene considerato uno dei migliori risi italiani. Eccellente per la tenuta di cottura in qualsiasi preparazione, è quindi l'ideale per i risotti pregiati e piatti speciali regionali. Rimane più slegato e il chicco tende ad assorbire meno il gusto dei condimenti.


RISO SANT' ANDREA

Sant'Andrea tipico della baraggia è un riso lungo, appartiene alla classe del riso fino. Ha struttura compatta e chicchi semiaffusolati le sue dimensioni e le sue caratteristiche intrinseche ne fanno un ottimo compromesso tra tenuta alla cottura e capacità di assorbimento dei condimenti, con esso si ottengono risotti gustosi, al dente e cremosi. Il riso Sant'Andrea è anche indicato per la preparazione di minestre e dolci, può essere utilizzato anche per insalate, timballi e tortini.


A presto con le mie ricette.

Ringrazio l'azienda per la gentile collaborazione.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie a tutti voi che siete passati, si prega di non spammare.